Albinoleffe, dal Lecco torna un portiere

22.07.2016 12:00 di Redazione Lombardiacalcio  articolo letto 556 volte
Fonte: albinoleffe.com
© foto di Jacopo Duranti/Tuttolegapro.com
Albinoleffe, dal Lecco torna un portiere

Il portiere Christian Lazzarini, nell'ultimo anno a Lecco, ha fatto ritorno all'Albinoleffe. Questa la sua intervista rilasciata al sito del club bergamasco.

Per chi non ti conoscesse, Cristian Lazzarini è…

“Un portiere, partiamo da qui. Classe 1995, sono scuola AlbinoLeffe, avendo trascorso 8 anni qui dai Pulcini al ritiro con la Prima Squadra. Sono successivamente passato in prestito all’Alzano Cene, poi un anno con il Ciliverghe e l'ultimo a Lecco. Quest’anno sono tornato alla base, come si suol dire, sperando di far bene e di riportare questa società ai livelli che merita”.

Quando senti la parola “calcio” cosa ti viene in mente?

“Quando sento questa parola, mi vengono i brividi. E’ la mia vita: a sei anni ho iniziato subito a giocare come portiere: papà faceva il portiere, al primo allenamento mi ha detto “Cristian, vai in porta” e da lì non sono più uscito”.

Quando entri in questo centro sportivo a cosa pensi?

“Penso che sia uno dei centri sportivi più belli che ho mai visto. L’AlbinoLeffe è una società con una storia importante. Ultimamente purtroppo ha passato delle stagioni poco felici, ma questo succede in ogni società. Per me indossare questa maglia è un onore. Ho fatto 8 anni qui ed ora per me è come tornare a casa”.

Quale giocatore hai come modello?

“Mi ispiro principalmente a Handanovic: mi piace come portiere e sono interista. Apprezzo anche tanti portieri giovani emergenti come Sportiello o Perin: mi piace osservare e far miei i loro punti di forza”.

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

“E’ quello di tutti, ovvero arrivare a giocare in serie A”.

Cosa ti aspetti da questa stagione?

“Spero di andare incontro ad una stagione piena di soddisfazioni, per me stesso, per la società, per il gruppo e per i tifosi. Sarebbe bello fare un campionato importante, che sia Serie D o Lega Pro. In qualsiasi caso dobbiamo fare una stagione convincente”.

E’ iniziata la preparazione. A chi va il primo pensiero e il primo saluto?

“Il primo pensiero va alla stagione che abbiamo di fronte: spero di far bene e riscattarci dopo questi ultimi anni non semplici. Mi auguro che sia Serie C, per poter fare il salto di categoria. Il mio saluto va a tutti i tifosi e a chi sino ad ora mi è stato più vicino, ovvero i miei familiari e gli amici. Speriamo bene, dai…!”